IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO COME STRUMENTO DI CLINICAL GOVERNANCE NELLA GESTIONE DEL PAZIENTE CON HIV

banner_hiv

 

Programma

Comunicato-invito stampa

Comunicato stampa finale

Documento di sintesi

Rassegna stampa

Slides:

– Giovanna Scroccaro, Unità Organizzativa Farmaceutico Protesica Dispositivi Medici, Regione del Veneto

– Margherita Andretta, Coordinamento Regionale Unico sul Farmaco, Regione del Veneto

– Ercole Concia, UOC Malattie Infettive AOUI Verona

– Anna Maria Cattelan, UOC Malattie Infettive Azienda Ospedaliera di Padova

– Silvia Adami, Unità Organizzativa Farmaceutico Protesica Dispositivi Medici, Regione del Veneto

 

Con l’introduzione nella pratica clinica della terapia antiretrovirale a elevata efficacia (cART) la storia naturale dell’infezione da HIV si è modificata mostrando sia una significativa riduzione della mortalità/morbilità HIV-correlata sia un aumento della sopravvivenza. In questo contesto, caratterizzato da dati epidemiologici che indicano una costante crescita della infezione da HIV, il PDTA si configura come strumento di governo dei processi assistenziali in carico ai Centri prescrittori al fine di fornire un omogeneo iter di cura e rendere ottimale il rapporto tra costi dei servizi e ritorno in termini di salute, nel rispetto della centralità del paziente e della sua patologia. Nel processo di governo della spesa farmaceutica, essenziali sono gli indicatori di prescrizione, di consumo e di aderenza, al fine di monitorare l’applicazione del PDTA, stimare l’impatto economico, programmare le azioni future e verificare la necessità di aggiornarne il contenuto.